Da qualche parte si dovrà pur iniziare. Guida per iniziare con successo

Da qualche parte si dovrà pur iniziare. Guida per iniziare con successo

Se ti è piaciuto condividi..Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
 Ed eccoci qui finalmente! Il primo post del mio blog, chi l’avrebbe mai detto che ci sarei arrivata!

Ho riflettuto a lungo su cosa scrivere in questo articolo e sopratutto come farlo, senza essere scontata o superflua e risultare interessante. Notti e giorni di riflessioni, consultazione di altri blog, scervellamenti atomici e poi mi sono detta: “Da qualche parte si dovrà pur iniziare..” e mi è venuto in mente che il primo articolo non è che un inizio, un salto nel vuoto, una scommessa. Per questo è tanto emozionante quanto spaventoso!
Così ho pensato di condividere con chi passerà di qui ciò che mi aiuta ad intraprendere un’impresa, grande o piccola che sia, qualcosa di diverso e nuovo rispetto al passato, che vorrei veramente realizzare ma allo stesso tempo mi spaventa, tanto che il rischio potrebbe essere la rinuncia.
D’altro canto è un peccato mortale non inseguire i propri desideri, perciò ecco, secondo la mia esperienza, quali strategie possono rivelarsi utili per raggiungerli, o per lo meno iniziare a farlo, superando ostacoli e paure.

Il silenzio è il miglior consigliere

Quando devo prendere una decisione importante per la mia vita ho proprio bisogno di silenzio e solitudine. Non intendo rifugiarsi in un eremo, facendosi crescere la barba e isolandosi dal mondo ma creare spazi che sono solo miei, in cui non sono obbligata a parlare e interagire con altre persone o a svolgere dei compiti particolari ma posso veramente dedicarmi al pensiero. Per esempio io cammino, poco importa dove, anche se la natura è sempre il migliore alleato in questo caso, ma se non posso andare in montagna, nel bosco o al fiume va bene lo stesso..passeggio per la città.
Ma è veramente importante ritagliarsi momenti di questo tipo, credo che non si possa capire quanto è profonda la piscina se ci si sta nuotando dentro, forse già dal trampolino si può avere una diversa prospettiva. Cosa vuol dire questo? Finchè si è immersi nel proprio quotidiano, facendo sempre le stesse cose a ripetizione, riempiendosi la vita di impegni e di persone non si può essere abbastanza lucidi per pensare e riflettere con chiarezza su ciò che si vuole e di cui si ha bisogno.

Opinioni. Poche ma buone

1456767_625143757549945_710068415_n

Confrontarsi con le altre persone è sicuramente una risorsa preziosa. I punti di vista esterni sono estremamente utili, mi è capitato moltissime volte, parlando con qualcuno, che mi si accendesse una lampadina in testa o di scoprire un lato della faccenda che non avevo mai considerato. Tuttavia se se ne parla con troppe persone e, soprattutto, indiscriminatamente si rischia di essere ancora più confusi e dubbiosi di quanto non si fosse inizialmente. Discuterne, quindi, ma solo con chi ritieni ti possa veramente ascoltare, comprendere, senza giudicarti (questo è essenziale!) e rimandare pensieri genuini e sensati..insomma parlane con le persone di cui ci si fida veramente.

Non scappare dalla paura ma sfruttala

E’ naturale aver paura, e aggiungerei anche sano! Ma la maggior parte delle volte può frenare l’inizio di qualcosa di nuovo, procrastinandolo o, peggio ancora, rinunciandoci del tutto. Ma cerco sempre di ricordare a me stessa che è un sentimento, nulla più! E’ come un campanello che avverte che ci potrebbero essere pericoli ma è anche energia e se sfruttata al meglio può dare una spinta decisiva alla situazione. Considerando la paura, ed i motivi che la generano, in modo oggettivo la si può ridimensionare dandole un significato, ciò permette, inoltre, di valutare più elementi possibili ponderandoli con attenzione. Per esempio se volessi iniziare un nuovo lavoro, sarei sicuramente spaventata da ciò che non conosco, preoccupata di non esserne all’altezza o che non sia la scelta giusta. La bella notizia è che la si può vedere esattamente all’opposto, sfruttando cioè l’energia che la paura genera. Un nuovo inizio è sostanzialmente una sfida che crea curiosità, creatività e di conseguenza positività. In ogni caso se si è deciso di cambiare è perché non si era soddisfatti di ciò che c’era, quindi di certo non potrà che essere meglio di prima! Gli errori, da sempre, servono proprio per permetterci di fare meglio la volta successiva.

Esercitarsi al nuovo

Se mai mi svegliassi una mattina con l’obiettivo di cominciare a correre (anche se la vedo molto dura!) non potrei certo cominciare con la maratona di New York, ma magari con una ventina di minuti al parco dietro casa.
Ecco credo si tratti della stessa dinamica, se non si è abituati alle novità, se si è immersi nella propria routine da anni forse il modo migliore per cominciare a cambiare prospettiva è scoprire ogni giorno qualcosa che non si conosceva in precedenza. Leggendo, passeggiando, incontrando nuove persone, anche solo cambiando strada per andare a lavoro, l’importante è riaccendere la scintilla della curiosità dentro di sé.

Riconoscere i propri meriti

Ma veramente! Quando si fa qualcosa fatto bene, e tutti i giorni accade almeno una volta, è proprio importante riconoscerselo. Sembra un’inutile banalità, ma non lo è, provare per credere! Se tutte le sere invece di lamentarsi delle cose che non vanno con parenti, amici o con noi stessi ci fermassimo a pensare a cosa abbiamo fatto di buono e valido nella giornata dopo un po’ la visione cambierebbe. Anche in questo caso è questione di allenamento!

Sorridere e non demoralizzarsi

Nella vita si va per tentativi, in qualsiasi cosa! Se si sbaglia si può anche ritentare e fidati se lo si fa con un sorriso è ancora più facile. Mantenere il buon umore pensando al buono, a ciò che di bello si ha nella propria realtà prima che ai problemi. Se si cambia prospettiva molte altre cose cambiano intorno a noi, perché di fondo cambiamo noi.
Alla fine di questo articolo mi sono resa conto che è stato utile ripensare a tutto ciò, dandogli la forma delle parole scritte. Quindi aggiungerei come ultimo consiglio, che do prima di tutto a me stessa, RICORDARSI DI RICORDARE. Non dare mai per scontato quello che si è appreso e soprattutto essere sempre con la mente aperta al nuovo.

Qualsiasi cosa stiate per cominciare….

Buon inizio!

One thought on “Da qualche parte si dovrà pur iniziare. Guida per iniziare con successo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.