Browsed by
Tag: housesitter

Housesitting. Bada a casa mia mentre non ci sono e potrai dormirci gratis

Housesitting. Bada a casa mia mentre non ci sono e potrai dormirci gratis

Fare l’housesitter (letteralmente custode della casa) sta diventando un modo sempre più diffuso di fare le vacanze, in tutto il mondo, risparmiando il prezzo dell’albergo.
Molte persone vanno in vacanza o hanno impegni di lavoro che le portano ad essere lontani per brevi o lunghi periodi di tempo. Invece di lasciare la propria casa incustodita con piante da innaffiare, gatti da accudire o pesci rossi da nutrire, decidono di affidarla a qualcuno che ci abiti per quel periodo di tempo.
Qui entra il gioco l’housesitter, una o più persone che si rendono disponibili a trasferirsi nella casa per il periodo di tempo richiesto dal proprietario.

Un altra possibilità molto simile all’housesitting è lo scambio di casa  (o di stanza) che quindi presuppone che entrambe le parti abbiano a disposizione un’abitazione (o una stanza).

Come funziona in pratica lo scambio

Il proprietario si iscrive ad un sito di housesitting. Crea un profilo della propria casa, indica il periodo di tempo in cui ha bisogno di un “custode” e poi varie ed eventuali (magari ci sono degli animali a cui badare, giardino da curare o condizioni particolari). Dopodichè aspetta che qualcuno lo contatti rendendosi disponibile.

L’aspirante housesitter a sua volta si iscrive ad un sito di housesitting. Crea un profilo personale e, in base a dove vorrebbe andare in vacanza e al tempo disponibile, contatta il proprietario della casa che gli interessa.

Se le condizioni sono favorevoli per entrambi si raggiunge un accordo e si discutono i dettagli: quali piante sono da innaffiare e come, se e quanti animali ci saranno da guardare, se nell’accordo è compresa l’automobile (spesso i proprietari includono anche il mezzo di trasporto lasciato a casa).

E consigliabile, per entrambe le parti di stipulare un contratto scritto in cui vengano indicate condizioni, accordi ed eventuali misure a garanzia della sicurezza. Alcuni proprietari per esempio prevedono il versamento di una cauzione per tutelarsi da eventuali danni.

Scambio alla pari o servizio a pagamento?

Solitamente quasi tutti i siti di housesitting propongono scambi alla pari, quindi l’housesitter bada alla casa, ed eventuali animali in essa contenuti, in cambio di poterne usufruire per il perido di tempo pattuito. Per esempio Claudia e Marco si rendono disponibili per essere “custodi” della casa di Harry a Los Angeles mentre lui è via per lavoro. Dopo essersi messi d’accordo online a Claudia e Marco non resta che comprare il biglietto aereo ed organizzarsi per arrivare a casa di Harry in tempo per quando lui se ne andrà lasciando loro le chiavi. A quel punto loro sono liberi di vivere in quella casa, sfruttandola come meglio credono, in base anche agli accordi presi con il proprietario, senza dover pagare un solo dollaro (perchè saranno in America ;-)).

Esistono però anche dei siti, come per esempio luxuryhousesitting.com, dove è possibile trovare delle abitazioni a cui badare guadagnando nel frattempo anche qualche soldino. Di solito è possibile ricevere un compenso quando la casa si trova in una zona particolarmente scomoda o isolata, se ci sono lavoretti di manutenzione (tagliare l’erba o simili) oppure se ci sono molti animali da guardare.

Chi può fare l’house sitter?

La cosa fantastica è che chiunque può farlo, singoli coppie o famiglie, basta trovare la casa giusta nel momento giusto e mettersi d’accordo con il proprietario. Certo se si ha un po’ di esperienza nei lavoretti di casa o con gli animali potrebbero essere requisiti preferenziali, ma non determinanti. Un proprietario di casa vorrà prima di tutto sentirsi tranquillo a lasciare la sua abitazione. Quindi ispirare fiducia è il primo requisito fondamentale. Pubblicare delle foto nel profilo è importantissimo. Scrivere al proprietario, candidandosi come housesitter, fornendo più dettagli possibili su di sè, abitudini e capacità. Magari parlarsi anche qualche volta via Skype.

Quale sito di housesitting scegliere? A quanti iscriversi?

Le alternative sono molte. Ci sono veramente molti portali che offrono questo servizio. Tutti sono a pagamento.  L’unica eccezione è Nomador.com che permette fino ad un  assimo di 3 contatti tra proprietari ed housesitters senza pagare la quota associativa. Questa possibilità è comunque parziale perchè potrebbe essere necessario fare 5/6 richieste prima di trovare quella giusta. Il mio consiglio è quindi di dare un’occhiata a tutti i siti senza iscriversi, guardando quante offerte ci sono nella zona che vi interessa. Dopodiché ne scegliete uno, al massimo due, e procedete con il pagamento della quota associativa.

Nel dettaglio i siti che si occupano di Housesitting

Trusted Housesitter

E’ il più grande tra i siti di housesitting e anche il più caro a livello di quota d’iscrizione annuale. Vale la pena iscriversi perchè il numero di case presenti su questo portale è nettamente superiore rispetto a quelli concorrenti. In più ha delle misure di sicurezza e garanzia estremamente efficienti e scrupolosi.

 

 

Registrazione annuale:

124 euro al’anno per i padroni di casa

99 euro all’anno per gli aspiranti housesitters

Lingua del sito: inglese

Visibilità annunci: annunci visibili con registrazione, ma anche senza pagare la quota annuale. Per contattare i proprietari, invece, è necessario pagare la quota annuale

Diffusione geografica: Molto attiva in America, Australia, Nuova Zelanda ed Europa

Altro: ci sono diversi livelli di sicurezza e garanzia che il sito richiede agli utenti, sia proprietari sia housesitters.

  • livello base: il sito verifica email, numero di cellulare e almeno 1referenza (padrone di casa o datore di lavoro o altri proprietari con cui si è precedentemente collaborato).
  • livello standard: il sito verifica tutto il livello base più l’identità dell’utente e il suo documento.
  • livello plus: il sito verifica i due livelli precedenti più la fedina penale dell’utente.

Housecarers

E’ uno dei primi portali in termini cronologici che sono stati creati per l’housesitting. Funziona molto bene ed ha una buona presenza di iscritti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Registrazione annuale:

gratis per i padroni di casa

50 euro all’anno per gli aspiranti housesitter

Lingua del sito: inglese

Visibilità annunci: annunci visibili senza registrazione, per contattare i proprietari, invece, è necessario pagare la quota annuale

Diffusione geografica: Molto attiva in America, Australia, Europa

Altro: per la sicurezza dei proprietari di casa viene richiesta la verifica dell’identità tramite un documento identificativo valido.

Nomador

Sito di housesitting molto attivo soprattutto in Francia ma anche nel resto d’Europa e America. La sua particolarità rispetto ai portali concorrenti è di dare la possibilità di iscriversi gratuitamente per un periodo di prova. Si può fare richiesta per un  massimo di 3 case. Dalla quarta in poi è necessario pagare la quota d’iscrizione.

 

 

 

 

Registrazione annuale:

gratis per i padroni di casa

65 euro all’anno (oppure 25 euro a trimestre) per gli aspiranti housesitter

Lingua del sito: inglese

Visibilità annunci: annunci visibili senza registrazione, si possono contattare fino a 3 proprietari gratuitamente. Dal quarto in poi è necessario pagare la quota annuale.

Diffusione geografica:  America, Australia, Nuova Zelanda e Europa(soprattutto Francia), ma anche qualche opportunità in Sud America e Africa

Altro: gli aspiranti housesitters possono creare un Trust Profile (profilo di  fiducia) in cui vengono certificati identità, email, conto corrente e domicilio.

House sit Match

E’ un portale nato da poco ma che comunque si sta diffondendo abbastanza in fretta ed ha un buon numero di iscritti.

 

 

 

 

 

 

 

Registrazione annuale:

35 euro all’anno abbonamento standard per i padroni di casa oppure 75 euro quello premium (si possono inserire video nel proprio profilo, mandare messaggi più lunghi e mettere 7 immagini invece di 3 di quello standard).

35 euro all’anno abbonamento standard per gli housesitters oppure 75 euro quello premium (si possono inserire video nel proprio profilo, mandare messaggi più lunghi e mettere 7 immagini invece di 3 di quello standard).

Lingua del sito: inglese

Visibilità annunci: annunci visibili senza registrazione, per contattare i proprietari, invece, è necessario pagare la quota annuale

Diffusione geografica: Europa (soprattutto Francia e Inghilterra, Spagna), qualche annuncio anche nel resto del mondo ma non molti.

Altro: non prevede particolari misure di tutela per il proprietario. Ufficialmente non viene richiesto il controllo dell’identità o di altre informazioni, tuttavia questi dati possono sempre essere richiesti dal proprietario una volta entrato in contatto con l’aspirante housesitter.

Mind my House

La quota associativa è tra le più basse rispetto agli altri siti di housesitting. La sua diffusione è abbastanza buona. Solitamente visto il prezzo economico molti utenti si iscrivono a questo sito e ad un altro a scelta.

 

 

 

 

 

 

Registrazione annuale:

gratis per i padroni di casa

20 euro per gli aspiranti housesitter

Lingua del sito: inglese

Visibilità annunci: annunci visibili senza registrazione, per contattare i proprietari, invece, è necessario pagare la quota annuale

Diffusione geografica: Molto attiva in America, Canada e Europa

Altro: propone un modello di contratto tra proprietario ed housesitter che può essere utilizzato come accordo di base tra le parti

Luxury House Sitting

Il sito, come suggerisce il nome, è dedicato alle grandi proprietà con molti ettari di terreno e spesso con animali a cui badare. Se la casa è particolarmente estesa o i lavori richiesti impegnativi (occuparsi dei cavalli o di un grosso giardino per esempio) solitamente viene richiesta la presenza di due housesitters, magari una coppia o due amici.

 

 

 

 

Registrazione annuale:

gratis per i padroni di casa

25 euro per gli aspiranti housesitter

Lingua del sito: inglese

Visibilità annunci: annunci visibili senza registrazione, per contattare i proprietari, invece, è necessario pagare la quota annuale

Diffusione geografica: Molto attiva in America, Australia, Nuova Zelanda e Europa

Altro: solitamente si tratta di scambi alla pari ma ci sono alcuni annunci che prevedono una piccola remunerazione per l’housesitter

Caretaker Jobs

Questo è un sito di annunci dei proprietari di casa in cerca di housekeepers. Ci sono anche opportunità remunerate. Le case sono soprattutto in America ma c’è anche qualche altra possibilità in giro per il mondo. Anche in questo caso c’è una quota associativa da pagare di 29 dollari all’anno.

Anche in questo caso dopo avervi dato le informazioni necessarie non  mi resta che augurarvi buon viaggio, buone scoperte e buoni incontri!!!